Primo maggio 2019

Dall’anno scorso la Gi.O.C. ha intrapreso un percorso alla ricerca della proprie radici: abbiamo avuto modo di fermarci per riflettere e recuperare alcuni fondamenti a noi cari, lavorando su una differente identità del lavoratore che meglio si adatta al contesto odierno, senza però perdere di vista i diritti e doveri fondamentali a cui ogni individuo è chiamato.

È importante fare esperienza del mondo, attraverso relazioni autentiche, sinergie di rete e azioni in grado di coinvolgere i giovani e suscitare il cambiamento.

A volte ci sembra di aver perso la propensione ad indignarci e reagire di fronte alle numerose ingiustizie che subiamo e vediamo vivere dalle persone che ci circondano: pensiamo che noi non ci possiamo fare niente, che siamo singoli individui incapaci di fermare ciò che è più grande di noi, che tanto è inutile...
E invece noi vogliamo provarci, sorretti dall’idea che insieme possiamo essere possibilità... possibilità di cambiamento. E’ fondamentale più che mai provare a muoversi, a sbilanciarsi, prendere posizione, vivendo la realtà associativa come un’officina della persona, in cui si discute, ci si compromette e si progetta il cambiamento insieme.

Riflettere e parlare di lavoro significa quindi parlare di lavoratori, per questo l’azione di federazione della GiOC di quest’anno ha avuto come obiettivo l’incontro tra i militanti, i lavoratori e i datori di lavoro... ascoltando aspirazioni e difficoltà, conoscere le realtà lavorative presenti sul nostro territorio, analizzare le diverse trasformazioni del lavoro e nuovi lavori.

Il compito dei militanti è stato quello di mettersi in ascolto delle persone per raccogliere le loro storie e quelle dei loro luoghi di lavoro attraverso le testimonianze di sacrifici, sogni e soddisfazioni. Da qui il nome di questo primo maggio MEET MY JOB.

Parallelamente il movimento da Gennaio a Maggio ha collaborato con la Pastorale del Lavoro, e con i sindacati. Quest'anno abbiamo iniziato la Festa dei Lavoratori con la Veglia il 30 Aprile presso l’Istituto Agnelli, dove abbiamo riflettuto e pregato sul Futuro del Lavoro.

Il 1° Maggio siamo scesi in piazza in maniera colorata e rumorosa portando insieme a noi il nostro lavoro e quello dei giovani che incontriamo. Successivamente abbiamo celebrato la messa, un momento partecipato e sentito, dettato anche dalle difficoltà e contraddizioni che le persone vivono nei propri ambienti lavorativi, confermando l’importanza di vivere la dimensione spirituale nella nostra quotidianità.

Il 4 Maggio all’Engim in C.so Palestro 14 si è concluso il percorso che ci ha guidato il 1° Maggio: la Gi.O.C insieme alla rete ha continuato a riflettere sul mondo del lavoro e sulla società in continua trasformazione, in particolare sull’avvio di un progetto WIP, la seconda edizione del Laboratorio Metropolitano, sottolineando l’importanza di collaborare insieme dove ciascuno possa dare il proprio contributo.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Agenda

Nessun evento

Sostienici con...

Cinguettii...

YCWImpact This week is the Reunion of European Leaders Conference (REM) which will be held in Porto this week. Please keep ou… https://t.co/kcb9g3uff1
14hreplyretweetfavorite